Acqua da fonte essenziale

L’acqua da fonte essenziale è un’acqua minerale di origine termale che aiuta la funzione detossificante del fegato e stimola in maniera positiva l’attività dell’intestino, facilitando l’evacuazione. Scopriamo di più su questa acqua dalle notevoli proprietà terapeutiche.

Perché è essenziale

Ideale per ritrovare benessere e leggerezza, l’acqua da fonte essenziale, povera di sodio e ricca di sali minerali, rientra tra le acque terapeutiche che hanno effetti benefici sul fegato già dopo averle assunte alcuni giorni. La voce essenziale deriva propria dalla sua composizione, infatti è ricca di sali minerali indispensabili per il buon funzionamento dell’organismo.

donna che beve acqua

L’acqua sporga dalle terme di Boario, site in valle Camonica, in provincia di Brescia, ma non si deve confondere con l’acqua Boario che normalmente conosciamo, in quanto differisce da essa proprio per la diversa composizione di minerali disciolti. Questo dettaglio le rende due acque differenti per i benefici che hanno nell’organismo.

Infatti, mentre l’acqua da fonte essenziale ha proprietà riconosciute per i benefici che assicura al fegato e all’intestino, l’acqua Boario è invece un’acqua minerale da bere normalmente a tavola per favorire la digestione.

Dove comprarla?

L’acqua da fonte essenziale si può acquistare nelle catene di supermercati e ipermercati, nei vari punti vendita alimentati e in farmacia. La bottiglia è realizzata in PET ed è disponibile in versioni da 1 litro e da 400 ml.

Il packaging ha una forma essenziale e pulita, senza alcuna decorazione, ma al tempo stesso si presenta delicata ed elegante. La bottiglia è trasparente e brillante, ha un maggiore spessore rispetto alle normali bottiglie in PET presenti sul mercato e l’effetto è praticamente simile a quello del vetro.

Altri fattori che distinguono il packaging sono anche il fondo piatto e l’etichetta sottile posizionata nella parte bassa della bottiglia dove spicca il logo creato da Life Comunicazione.

Composizione e residuo fisso

Povera di sodio ma ricca di magnesio e solfati, l’acqua da fonte essenziale è leggera ma corposa al gusto. Il suo residuo fisso, che indica la quantità di minerali disciolti nell’acqua, è molto elevato. Infatti è pari a 2400 mg/l e quindi rientra tra le acque ad uso terapeutico più ricche di sali minerali.

L’elevato residuo fisso non è un dato negativo, ma l’alta presenza di sali potrebbe avere effetti collaterali e dare origine ad un eccessivo deposito nei tessuti dell’organismo. Di conseguenza, nell’assumerla bisogna valutare se è adatta alle proprie esigenze.

Tutti i vantaggi di questa acqua

I vantaggi dell’acqua essenziale sono tanti, è un prodotto termale capace di purificare il fegato e stimolare l’intestino e favorire così un’evacuazione più regolare. Uno dei benefici che si può riscontrare nel berla è la riduzione del senso di gonfiore addominale e la purificazione dell’intestino, visto il miglioramento che assicura alla digeribilità delle proteine e del grassi.

Considerata terapeutica dal Ministero dello Sviluppo Economico perché ricca di sali minerali e oligoelementi, l’acqua da fonte essenziale è indicata per mantenere le ossa sane e forti ed è anche l’ideale per le diete povere di sodio.

Efficace per alleviare i disturbi della colecisti, della diverticoli e dell’intestino irritabile, combatte stitichezza, pesantezza e senso di gonfiore, depura il fegato e stimola l’intestino, regolarizzandone e migliorandone le funzioni. Già dopo tre o quattro giorni dall’assunzione si possono riscontrare gli effetti benefici nell’organismo.

E’ indicata anche per eliminare il meteorismo, altro aspetto fastidioso molto diffuso. Le proprietà benefiche dell’acqua da fonte essenziale alleviano quindi il senso di pesantezza ed eliminano i gas intestinali, dovuti molto spesso ad ansia e stress, e assicura quindi un diffuso benessere.

Funziona per dimagrire?

Anche se possiede proprietà purificanti e digestive, l’acqua da fonte essenziale in realtà non ha proprietà dimagranti e non garantisce alcuna perdita di peso. Tuttavia, può essere di aiuto nel favorire il dimagrimento perché, come detto prima, purifica l’intestino, stimola il metabolismo e permette di regolarizzare l’evacuazione.

La sua efficacia è assicurata solamente se si segue una dieta bilanciata e sana, a cui deve essere anche affiancata una leggera ma regolare attività fisica. L’azione dell’acqua unita a questi fattori favorisce certamente la perdita di peso.

Controindicazioni

Nonostante l’acqua da fonte essenziale ha tanti vantaggi, tuttavia vi sono dei casi in cui può fare male. Esistono quindi delle controindicazioni che bisogna conoscere e lo si evince dalla stessa etichetta. Infatti, sull’etichetta dell’acqua in questione è indicato che l’acqua da fonte essenziale può avere effetti lassativi e diuretici e può influire sulle funzioni epatobiliari.

I solfati e il magnesio, che in questa acqua sono presenti in quantità elevate, esercitano un’azione depurativa e lassativa notevole, quindi, anche se a molti può far bene, non è adatta per tutti e bisogna fare attenzione se si assume per tempi prolungati.

Chi non deve mai bere acqua da fonte essenziale

Come detto prima, l’acqua da fonte essenziale ha delle controindicazioni che è bene conoscere prima di assumerla, soprattutto per lunghi periodi. Dato l’alto valore del suo residuo fisso, questa acqua è sconsigliata nei casi in cui il medico raccomanda al paziente di non assumere acque ricche di sali minerali, come ad esempio quando soffre di calcoli renali. Inoltre, non devono berla neanche i pazienti con cardiopatie, diabete, oppure patologie endocrinologiche.

Se proprio vogliono berla, devono consultare il medico per eliminare qualsiasi dubbio. Come riconosciuto dal Ministro della Salute, l’azione dei minerali di quest’acqua la rende particolarmente indicata per il benessere e la leggerezza di fegato e intestino, ma la presenza di una quantità molto elevata di sali minerali può indurre effetti collaterali.

Inoltre, un uso eccessivo può causare diarrea, quindi bisogna stare attenti e farne un uso moderato. L’acqua è sconsigliata anche per coloro che soffrono di reflusso gastroesofageo, perché farebbe peggiorare i sintomi della patologia.

Quanta acqua essenziale è giusto bere?

E’ bene tenere presente che non è un’acqua da sostituire all’acqua normale e sono sufficienti due bicchieri al giorno pari a 400 ml da bere a digiuno per godere dei suoi benefici.

I due bicchieri d’acqua vanno bevuti al mattino a distanza di 10 minuti l’uno dall’altro. Inoltre, bisogna attendere almeno 20 minuti prima di fare colazione. In alternativa, si può bere un bicchiere di acqua essenziale al mattino a digiuno oppure la sera.

E’ bene sottolineare che non va bevuta in sostituzione della normale acqua, ma integrata bevendone due bicchieri al giorno.

Leave a Reply