Un sorso di Acqua hi-tech

Una corretta idratazione è fondamentale per il benessere del corpo. L’importanza della qualità dell’acqua e del bere quotidianamente acqua per idratarsi ha portato alcuni gruppi di sviluppatori ad ideare delle applicazioni dedicate all’acqua.

Con l’introduzione di app e strumenti dedicati, possiamo parlare di una nuova era, quella dell’acqua hi-tech, nella quale i dispositivi tecnologici ci vengono in aiuto per ricordarci di bere e per consentirci di controllare la qualità dell’acqua che stiamo per assumere.

3 migliori applicazioni per ricordarsi di bere

Le applicazioni per ricordarsi di bere dell’acqua tornano molto utili a coloro che si allenano in modo costante. E’ stata dimostrata una correlazione tra livello di idratazione e prestazioni fisiche ottenute. Questo non significa però che le app non possano essere sfruttate da tutti, dal momento che una idratazione corretta è alla base del benessere psicofisico.

Vediamo di seguito alcune app gratuite che possono essere utilizzate per ricordarsi di bere:

1. Promemoria per bere acqua

La prima app segnalata ha un nome che spiega subito il suo obiettivo, ovvero consentire di avere un promemoria che ricordi di bere acqua. Questa applicazione è disponibile per il download gratuito ed è compatibile sia con il sistema operativo iOS che con Android.

Questa applicazione è interessante perché prima di creare il promemoria chiede di inserire alcune informazioni personali, come l’altezza e il peso corporeo. Questo consente all’app di eseguire un rapido calcolo, per identificare il quantitativo medio di acqua che andrebbe introdotto ogni giorno in relazione alle proprie caratteristiche fisiche.

2. Hydro

Un’altra applicazione per bere acqua è la nota Hydro. Si tratta anche in questo caso di uno strumento gratuito e semplice da utilizzare, perfetto per ricordarsi di bere e per tenere il conto della quantità di acqua introdotta nel corso della giornata.

3. La mia acqua

Concludiamo la lista delle tre migliori app con La mia acqua, uno strumento semplice e disponibile per il download gratuito su tutti i dispositivi Apple.

Il funzionamento è simile a quello delle due applicazioni proposte in precedenza e l’obiettivo è lo stesso: aumentare il consumo medio di acqua giornaliero e portarlo a raggiungere almeno un litro e mezzo al giorno, quantitativo medio consigliato per il benessere psicofisico.

Migliori applicazioni per analizzare l’acqua

Oltre alle app che ricordano di bere, vi sono anche delle idee su applicazioni per analizzare l’acqua, che potrebbero tornare utili per capire cosa si nasconde all’interno dell’acqua che beviamo.

Al momento non sono ancora disponibili applicazioni di questo tipo, ma vi sono alcuni progetti di sviluppo che stanno cercando di progettare e realizzare degli strumenti di questo genere. Avere delle applicazioni per analizzare l’acqua potrebbe tornare molto utile: esse potrebbero, ad esempio, consentire di confrontare marche diverse di acqua, per scoprire quali sono i microelementi presenti all’interno e per offrire l’opportunità di confronto.

Non tutte le acque infatti sono uguali, ma differiscono per il contenuto di microelementi, ad esempio per il contenuto di sodio e di sali minerali. Vi sono anche delle acque ricche di calcio ed altre invece che hanno un calcio praticamente prossimo allo zero.

Conoscere l’esatto contenuto dell’acqua potrebbe essere utile per fare una scelta più consapevole in fase di acquisto e per poter comprare il prodotto con maggior trasparenza e sicurezza.

App dell’acquedotto Pugliese

L’acquedotto Pugliese ha deciso di contribuire alla causa dell’acqua hi-tech e di rendere disponibile per il download l’app dell’acquedotto Pugliese. Questo strumento può essere installato su tutti i sistemi operativi mobile e consente di avere informazioni circa i servizi offerti dallo stesso acquedotto.

Controllo hi-tech dello stato delle tubazioni

Un aspetto da tenere in considerazione per avere un impianto idraulico perfetto è lo stato delle tubazioni. E’ importante eseguire un controllo periodico ed eventualmente una manutenzione per assicurarsi che la tubazioni rimangano in buono stato e che possano continuare a svolgere al meglio la loro funzione.

Un errore commesso di frequente è non controllare le tubazioni fino a quando esse non si danneggiano, portando alla comparsa di malfunzionamenti. A quel punto l’intervento è d’obbligo, ma la difficoltà di riparazione aumenta, così come la spesa da sostenere.

Sia per ridurre la difficoltà di intervento, sia per contenere la spesa economico, il consiglio è di effettuare un controllo periodico delle tubazioni. La tecnologia si presenta a supporto anche in questo settore, offrendo la possibilità di eseguire un controllo hi-tech.

Di recente introduzione è il controllo dello stato delle tubazioni attraverso l’impiego di una telecamera. Il vantaggio essenziale di questo controllo hi-tech è la possibilità di effettuare la verifica senza dover danneggiare o demolire le tubazioni.

Si tratta di un metodo di controllo nettamente migliore rispetto a quelli tradizionali, ecco perché sempre più clienti si rivolgono a specialisti del settore per effettuare la manutenzione con l’impiego delle telecamere e con altri strumenti hi-tech.

Acqua hi-tech: tanti metodi tecnologici

Oltre al controllo hi-tech dello stato delle tubature, vi sono anche tanti altri metodi tecnologici che riguardano l’acqua. Un settore molto interessante è quello della potabilizzazione dell’acqua, tecnica che consente di trasformare acqua non potabile in acqua potabile.

Vi sono numerose tecnologie che si propongono di svolgere questa funzione. Bisogna però sottolineare che tra i metodi proposti se ne annoverano anche alcuni senza alcun tipo di fondamento scientifico e dai quali si consiglia di stare alla larga. Un esempio esplicativo è quello dei cosiddetti vitalizzatori d’acqua, che non hanno alcuna funzione nel rendere l’acqua potabile.

Altri metodi tecnologici riguardano la depurazione dell’acqua. La depurazione consiste nell’eliminazione dall’acqua di sostanze che possono essere nocive per l’organismo. Dopo la depurazione l’acqua può essere bevuta senza nessun timore.

In commercio esistono numerosi modelli di depuratori d’acqua hi-tech, pensati per soddisfare tutte le esigenze dei clienti. La depurazione potrebbe sembrare un’operazione semplice, in realtà la ricerca in questo campo è molto attiva, ecco perché ogni anno vengono presentati al pubblico nuovi modelli di depuratori, con funzioni sempre più avanzate.

Anche l’acqua si è fatta hi-tech per sfruttare al massimo i vantaggi che la tecnologia e l’innovazione possono offrire, come dimostrano i dispositivi che sono stati descritti e che sono acquistabili anche ad un costo accessibile.

Leave a Reply