Meglio l’acqua effervescente oligominerale o naturale?

Acqua minerale: quali sono le differenze tra quella con gas naturale e quella no?

L’acqua effervescente oligominerale viene ottenuta dall’acqua minerale naturale, alla quale viene aggiunta una piccola dose di anidride carbonica tramite un processo chiamato carbonazione (o carbonatazione).

In Italia la maggior parte delle aziende, accanto a quella naturale, commercializzano anche questo tipo di acqua, ma esistono anche ditte che propongono l’acqua frizzante naturale.

In questo caso l’effervescenza dell’acqua non viene ottenuta tramite l’addizione di anidride carbonica, ma si trova già in natura. E’ il caso dell’Acqua Ferrarelle, ottenuta da una falda acquifera che si trova nel sottosuolo e che viene monitorata in modo costante, non a caso considerata tra le.

Le acque effervescenti naturali, a differenza di quelli oligominerali, sottostanno ad una regolamentazione più severa: esse infatti devono possedere un tenore di anidride carbonica libera con un valore superiore a 250mg/L, ovvero uguale a quello della sorgente.

Essendo molto ricche di sali minerali, queste acque sono particolarmente adatte sia per gli atleti professionisti sia per le persone che praticano sport a livello amatoriale, ma a dispetto di quello che dicono le pubblicità che vediamo spesso in televisione, sono anche poco diuretiche.
disegno di brocca con acqua effervescente

L’acqua gassata fa male ai reni?

No, l’acqua con gas non fa male ai reni, anzi: non solo favorisce la deglutizione, ma in più dà un senso di sazietà e aiuta ad alleviare i sintomi della costipazione.

L’acqua gassata fa male?

No, anzi, oltre agli adulti, possono berla tranquillamente anche i bambini.

Come tutte le cose però, alimenti e bevande incluse, non bisogna eccedere con il consumo: alcuni studi recenti, che sono stati effettuati dai nutrizionisti, hanno rivelato che l’acqua frizzante può provocare qualche danno in più allo smalto dentale rispetto all’acqua naturale senza gas, anche se comunque è 100 volte meno dannosa di una bevanda zuccherata come la Coca-Cola.

In linea di massima l’acqua gasata può essere consumata sia dai bambini, sia dagli adulti e dagli anziani e non presenta particolari controindicazioni, tuttavia se si soffre di ernia iatale, di ulcera, di malattie del reflusso gastroesofageo o di gastrite, andrebbe eliminata completamente dalla propria dieta.

In particolare, nel caso dell’ernia iatale, è stato scoperto che l’acqua frizzante accentua la sensazione di bruciore.

Inoltre, anche se per motivi differenti, anche i pazienti che soffrono di colite, di flatulenza, di disfagia, di meteorismo e di diverticolite, dovrebbero bandirla dalla propria tavola.

Quante calorie ha l’acqua effervescente?

L’acqua frizzante, come l’acqua naturale, non ha calorie, quindi non fa ingrassare, ma essendo addizionata con anidride carbonica, può causare gonfiore, soprattutto nella zona addominale.

Qual è la giusta quantità da bere?

Gasata o no, una persona che conduce una vita sedentaria dovrebbe bere nove bicchieri di acqua al giorno, mentre chi pratica un’attività fisica moderata dovrebbe consumare tra i dieci e gli undici bicchieri di acqua al giorno.

Gli atleti professionisti invece, e più in generale tutte le persone che praticano un esercizio fisico molto intenso, dovrebbero consumare idealmente almeno quattordici bicchieri di
acqua al giorno.

Fa venire i calcoli?

No, al contrario! L’acqua gassata, soprattutto quella ricca di calcio, fornisce un ottimo aiuto alle persone che soffrono di calcoli renali.

L’ossalato di calcio, che forma i calcoli, non viene introdotto nel nostro corpo in seguito ad una dieta ricca di calcio, anzi, semmai è vero il contrario: una dieta povera di calcio stimolerà l’intestino ad assorbire l’ossalato, aumentando quindi il rischio di peggiorare i calcoli renali o, addirittura, di contrarli.

Il fegato a lungo andare si affatica?

E qui sfatiamo un altro mito duro a morire: l’acqua gasata non fa male al fegato, anzi, non solo lo aiuta a depurarsi, ma gli dà anche una mano ad eliminare le tossine.

È pericoloso il calcio o il residuo fisso tanto declamato?

No, il calcio presente nell’acqua frizzante, così come il residuo fisso, non è pericoloso, e vi spieghiamo anche il perché: un’acqua ricca di microelementi come il calcio, il magnesio e il fluoro, non solo aiuta i bambini durante la crescita, ma in più favorisce lo sviluppo della struttura ossea nonché quello dei denti.

Per questo motivo, sulle confezioni di acqua minerale naturale e di acqua gassata, non è raro trovare l’immagine di un bimbo felice o che ride: queste bevande infatti, proprio per le loro proprietà chimico-fisiche, sono indicate per diluire il latte nel biberon e anche per preparare alimenti per neonati come omogeneizzati in polvere.

Fa male l’acqua prodotta dalle macchine gasatrici?

Una macchina gasatrice non fa altro che aggiungere anidride carbonica all’acqua tramite il processo della carbonazione, rendendola anche leggermente alcalina.

Quest’acqua, pur mantenendo un aspetto neutro, ha un gusto simile a quello della Gatorade, ma gli sportivi non la bevono (anche se c’è chi dice che faccia bene a chi pratica sport) in quanto un eccessivo consumo può causare gonfiore addominale e dare anche un senso di pesantezza, il che non è proprio l’ideale, soprattutto se si ha in programma un allenamento molto duro o una gara sportiva.

Leave a Reply